Le specialità natalizie del Nord Europa

specialità natalizie del Nord Europa

QUALI SONO LE SPECIALITÀ NATALIZIE DEL NORD EUROPA?

La cucina nordica è stata recentemente caratterizzata da piatti delicatamente serviti e porzioni spesso, ma non sempre, minimaliste. Tuttavia, quando si tratta della stagione natalizia, tradizionali favoriti che fanno fermare il cuore e abbondanti buffet di smörgåsbord emergono in primo piano. E le porzioni sono decisamente abbondanti.



Nei mercatini natalizi invernali si possono trovare castagne arrosto, Gløgg caldo e carne cucinata su barbecue a fuoco di legna affumicata. Gli stand natalizi vendono molti tipi di pan di zenzero, mandorle tostate zuccherate e caramelle all’antica. Vediamo tutte le specialità natalizie del nord Europa che scaldano durante il rigido inverno nordico, da quelle che accomunano tutti i paesi a quelle specifiche.

Leggende scandinave:

IL GLØGG

Il Gløgg è la versione nordica del vin brûlé, da cui si distingue per un sapore più dolce e per la presenza di frutta secca o essiccata, come mandorle o uva passa. Gløgg è il nome in danese e in norvegese, che diventa Glögg in svedese e islandese, e Glögi in finlandese. Spesso è indicato con il più neutro Glogg.

Esiste anche una versione analcolica fatta con mela e mirtillo, mentre quella alcolica tipica prevede il vino rosso ed è diffusa ovunque, anche in brick da farsi a casa e da comprare nei supermercati. Ognuno ha la sua miscela di spezie, che in antichità venivano usate per rendere di nuovo bevibile un vino rosso un po’ “guastato”. Inoltre, in tempi recenti è stato introdotto anche il Hvid Gløgg, ovvero la versione con il vino bianco.

Studia con noi
le Lingue Nordiche!

istituto culturale nordico corsi online aurora boreale

LE SPECIALITÀ NATALIZIE DELLA DANIMARCA

In Danimarca non mancano specialità natalizie davvero gustose. Partiamo dal Risalamande, un dessert tradizionale danese tipicamente servito a Natale. Il Risalamande è stato creato nell’ultima parte del XIX secolo e si traduce come riso servito in stile mandorle. È fatto con budino di riso mescolato con panna montata, vaniglia e mandorle tritate; e di solito viene servito freddo con salsa di ciliegie (kirsebærsauce). Esistono versioni contemporanee di Risalamande decorate con fiori delicati e cosparsi di spezie. È molto comune preparare una grande quantità di budino di riso per cena la “Piccola Vigilia di Natale” (cioè il 23 dicembre), una parte del quale viene conservata fino alla Vigilia di Natale e utilizzata per preparare Risalamande, che viene mangiato come dessert dopo la grande cena di Natale.

Simile è il Risengrød, una versione dolce del tradizionale Grød danese (che si potrebbe tradurre come porridge), ma più dolce e fatto con latte, panna fresca, mandorle e vaniglia. La differenza è che aggiunge anche la cannella, cosa che lo rende ancora più dolce.

Gli Æbleskiver sono un’altra specialità natalizia danese. Questi piccoli pancake sferici sono simili ai poffertjes olandesi. Il loro nome danese si traduce come fette di mela, ma non cercare troppo duramente la mela, di solito non si trova dentro (anche se la ricetta originale lo prevede). Oggi, la mela è data dallo sciroppo di mela usato nell’impasto. Serviti con zucchero a velo sopra, cercali ai mercatini di Natale.

Inoltre, durante la Juleaften o il Julefrokost (La cena della vigilia o il Pranzo di Natale), ci sono le patate danesi glassate di zucchero servite come contorno per Natale – e di cui i danesi vanno matti.
LE SPECIALITÀ NATALIZIE DELLA NORVEGIA
I norvegesi in genere servono piatti natalizi abbastanza tipici, simili a quelli già menzionati per la Danimarca per motivi storici, ma hanno anche alcune particolarità. Ricordando che fino al boom petrolifero degli anni ’70, la Norvegia era un povero paese agricolo, alcuni piatti natalizi tradizionali provengono da un periodo in cui si serviva cibo contadino utilizzando tutte le parti dell’animale.

Un piatto di questo tipo da provare è il Pinnekjøtt, una costata di agnello stagionata al vapore. Viene affumicato anche sopra betulla e il suo sapore è qualcosa che potresti non aver mai provato prima.

Un altro piatto natalizio speciale è insolito e non adatto ai deboli di cuore o di stomaco: lo smalahove, che è fatto dalla testa di pecora. Originariamente associato alle classi sociali inferiori nella società norvegese e mangiato più comunemente nelle parti occidentali della Norvegia, ha ora guadagnato popolarità tra molti. Per creare questo piatto, la pelle e la lana della testa di pecora devono prima essere bruciate. Dopo di che, il cervello viene rimosso, la testa viene condita con sale e poi essiccata all’aria.

A volte, il cervello viene lasciato dentro la testa e cotto insieme alla carne. Il cervello viene quindi mangiato con un cucchiaio o fritto separatamente. Se il cervello viene rimosso, la testa preparata viene poi bollita fino a quando è cotta e viene servita con purè di patate o rape. Tra i dolci, molto popolare è il Risgrøt già menzionato per la Danimarca.

LE SPECIALITÀ NATALIZIE DELLA SVEZIA

Anche nella tavola natalizia, le tradizioni svedesi si distinguono un po’ da Danimarca e Norvegia. In tutto il periodo prenatalizio e il giorno della vigilia in Svezia ci si sazia intorno a una tavola imbandita chiamata Julbord, il tipico buffet di Natale.

Si parte dal pesce, con le aringhe in tutte le salse (inlagd sill, picklad sill, löksill, senapssill, matjessill) e il salmone cotto, crudo o marinato (gravad lax). Si passa poi ai salumi di alce o di renna, alle salsicce e alle polpette (köttbullar), ai paté fatti in casa e al julskinka, il prosciutto cotto glassato con uovo e cosparso di senape e pangrattato.

Le pietanze più tradizionali sono chiaramente legate all’usanza di macellare il maiale in questo periodo di cui si consumava tutto, dalle zampe (grisfötter i gelé) e al brodo ricavato dalla cottura della carne con cui si fa il tipico “dopp i grytan” inzuppandoci il pane croccante (tunnbröd).

Oggi naturalmente sul julbord, oltre ai formaggi e ai contorni classici a base di cavolo, cavoletti di Bruxelles e insalata di barbabietole, non mancano le alternative vegetariane. Immancabili poi le patate, anche in versione gratin chiamata Janssons frestelse, una tentazione cremosa insaporita con cipolle e acciughe.

Il giorno di Natale invece si mangia il julgröt, il riso cotto nel latte con una spolverata di cannella, zucchero e una noce di burro. Tradizione vuole che nel gröt ci sia nascosta una mandorla e chi se la trova nel piatto si sposerà entro l’anno. In passato c’era l’usanza di lasciare un piatto di questo porridge per ingraziarsi il dispettoso folletto (gårdstomten) che nella credenza popolare vigilava sulla casa.
LE SPECIALITÀ NATALIZIE DELLA FINLANDIA
In Finlandia è molto diffuso lo Joulutorttu, ovvero pasta di burro con marmellata di prugne al centro.

Altre preferenze natalizie finlandesi includono il salmone affumicato caldo e l’aringa o il gravlax freddo servito con salsa di senape. I buoni vecchi piatti tradizionali compaiono sulla tavola da pranzo soprattutto in casseruola, considerata la migliore cucina finlandese: ad esempio la casseruola di fegato, la casseruola di carote e la casseruola di rape svedesi (Lanttu).

I finlandesi inventano anche piatti natalizi stravaganti, come l’insalata Rosolli pesantemente condita e la zuppa di frutta mista.
LE SPECIALITÀ NATALIZIE DELL’ISLANDA
Anche in Islanda ci sono particolari piatti tipici per Natale. Per esempio, il Laufabrauð, o pane a foglia islandese, che si fa notare perchè molto sottile, grazioso e delizioso. Oggi è possibile trovarlo nei negozi, ma molti islandesi preferiscono ancora riunirsi con la famiglia o gli amici e prepararlo nel modo tradizionale intagliandolo con motivi natalizi prima di friggerlo.

Il piatto natalizio tradizionale in Islanda dall’inizio del secolo scorso è il hangikjöt. Traducendo letteralmente, hangikjöt significa carne appesa ed è semplicemente agnello affumicato. Oggi, la maggior parte delle persone lo serve il giorno di Natale. Viene di solito bollito o fatto arrosto e servito con patate bollite, cavolo rosso stufato e piselli verdi. Tutto accompagnato da laufabrauð e da una salsa bianca simile alla besciamella chiamata stúfur. Anche i piselli in scatola sono popolari (per ovvie ragioni). Sebbene l’hangikjöt sia essenziale a Natale, la cena principale di Natale per gli islandesi, e in genere per i nordici, viene servita la vigilia di Natale.

Tipica è anche malt og appelsín una bevanda natalizia inventata a metà del XX secolo unendo malt (una sorta di estratto di malto d’orzo, simile ad una birra, molto dolce e non alcolico) e appelsín l’aranciata islandese. Una combinazione inusuale ma assolutamente deliziosa. Esiste anche la versione leggermente alcolica chiamata jólaöl. Tradizionali sono anche i piparkökur, ossia i biscotti speziati e la jólaterta, una torta a strati farcita di marmellata o creme varie.
Abbiamo parlato di specialità natalizie del nord Europa anche qui:

Articolo in collaborazione con

Robin Mørensson,
founder @ NØGLEN

(1) Comment

Lascia un commento

Studia con noi!

5/5
N.1 in Italia per l’insegnamento delle Lingue Nordiche

Partenza prossimo trimestre
08 APRILE 2024