Aspettando “VIKINGS: VALHALLA”: CHI ERANO VERAMENTE I VICHINGHI?

Affidarsi all’etimologia delle parole per chiarirne il significato e la modalità di utilizzo non sempre si rivela una scelta vincente; spesso le etimologie sono discusse o discutibili e talvolta non corrispondono neanche perfettamente all’uso semantico del termine. 

Per completezza di informazioni possiamo dire che un’interpretazione a lungo accettata del termine vichingo, in norreno víkingr, era quella di uomo della baia

Tuttavia, le navi e le sezioni di navi di epoca vichinga giunte fino a noi, dimostrano che erano pensate e costruite per vari scopi e che se da un lato esistevano imbarcazioni molto piccole, utilizzate per spostamenti interni, magari per raggiungere il luogo dell’Assemblea o del mercato, accanto a queste esistevano robuste imbarcazioni per il trasporto di merci e truppe lungo rotte molto più complesse e pericolose, attraverso il Baltico prima e nell’area atlantica poi. Non possiamo quindi restringere l’area di azione del vichingo alla baia, tantomeno ad una specifica indicazione geografica.

Oggi si tende piuttosto a riportare l’origine di questo termine ad un sostantivo víka, che indica un turno di remi completo e per estensione la distanza coperta in mare nel giro di un turno di remi. Le imbarcazioni vichinghe utilizzavano infatti due sistemi di propulsione: il vento, che sfruttavano con le loro vele singole montate su un unico albero centrale, e i remi. Un ragionamento simile era già stato proposto in passato per il termine Rus, collegato ad una radice che indicava il remare, e questa proposta appare decisamente più in linea con le caratteristiche del vichingo, il quale poteva essere molte cose, ma non poteva non essere un navigatore!

Vichingo indica una professione, non l’appartenenza ad una etnia e non è neanche corretto presupporre che tutti gli Scandinavi vissuti tra VIII e XI secolo siano stati dei vichinghi, poiché sicuramente solo una parte della popolazione si dedicava a questa attività e perfino la maggior parte dei defunti commemorati nelle celebri iscrizioni runiche realizzate in questi secoli, migliaia nel solo territorio svedese, erano principalmente proprietari terrieri, ricchi possidenti, talvolta proprietari anche di una o più navi utilizzate in spedizioni commerciali o militari, ma affidate a comandanti ed equipaggi specializzati.

Nel mondo nordico antico la parola è attestata in due tipologie di fonti scritte: le saghe medievali e le iscrizioni runiche. Le saghe parlano spesso di eventi accaduti durante i secoli comunemente definiti epoca vichinga e spesso hanno dei vichinghi, più o meno famosi, per protagonisti, ma sono state redatte secoli dopo tali eventi e con il tempo la parola aveva assunto una connotazione negativa, fino a diventare sinonimo di pirata. Sono le iscrizioni runiche le sole fonti scritte nelle lingue scandinave antiche contemporanee agli eventi di quel periodo: loro cosa ci dicono dei vichinghi?

Le iscrizioni di epoca vichinga sono di base iscrizioni commemorative commissionate da parenti in memoria di congiunti, non necessariamente sempre tragicamente morti lontano dalla patria, ma sempre appartenenti a classi sociali elevate e benestanti. Le pietre runiche servivano paradossalmente quasi più ai vivi che non ai morti, poiché spesso celavano una precisa affermazione di potere e status e valevano quali documenti per l’asse ereditario. Alcuni dei defunti celebrati morirono lontano da casa conducendo una nave, quali capitani e talvolta proprietari di imbarcazioni, ed altri erano mercanti che percorrevano con il proprio knǫrr delle rotte abituali. Nelle iscrizioni sono attestati due termini: víkingr, che indica l’individuo, e víking, che indica l’attività. Morire í víkingu significava aver trovato la morte durante una spedizione e l’accostamento di determinati avverbi all’espressione può essere di aiuto per capire se si fosse trattato di una morte giunta durante una scorreria o un viaggio commerciale.

Va precisato che sono pochissime le iscrizioni che attestano l’uso della parola víkingre che appartengono a tre fasi temporali differenti dell’epoca vichinga e a tre territori tra loro distanti. Questo però è un vantaggio: poche fonti, ma distribuite nel tempo e nello spazio consentono di formulare maggiori riflessioni rispetto a quanto si potrebbe fare di fronte ad un uso locale e circoscritto dal punto di vista temporale di un termine.

Foto di LUISELLA SARI Pietra di TIRSTED, DR 216 Si legge aliR uikikaR – tutti vichinghi

Le pietre, distribuite tra la Danimarca, la Svezia centrale e Gotland nel cuore del Baltico, lasciano comprendere che i vichinghi erano sostanzialmente dei navigatori, che prendevano parte lungo rotte ben definite a spedizioni probabilmente spesso di natura commerciale, che però potevano sfociare in forti contrasti con le popolazioni locali e culminare in scontri armati. Interessante osservare anche l’utilizzo onomastico del termine víkingr in circa una ventina di iscrizioni runiche della Svezia centrale. Potrebbe trattarsi non esattamente dello stesso termine, forse un corradicale, ma non possiamo non notare una coincidenza: buona parte delle spedizioni via nave partivano proprio da questa regione.

Per quanto il Ragnar di Vikings sottolinei più volte la propria origine contadina lungo tutto il suo percorso di crescita da uomo libero a re e anche Lagertha riveli con orgoglio simili origini contadine di fronte alla figlia del leggendario uccisore di Fafnir, alla fine della visione di una serie come Vikings effettivamente qualche dubbio sulla definizione di vichingo può sorgere. Certo non va dimenticato che, nonostante proprio a Vikings sia da attribuire il merito di aver avviato una nuova tipologia di comunicazione tra il mondo accademico e quello delle produzioni di spettacoli di intrattenimento, non si tratta di un prodotto accademico o di un documentario. Vikings è in sostanza uno spettacolo, pensato per un pubblico internazionale, e da quanto si evince dal trailer, Vikings: Valhalla seguirà in tutto e per tutto questa linea.

Resta ora da chiederci perché Valhalla?

Non perdete il prossimo articolo in uscita mercoledi 23 febbraio!

Vuoi scoprire le lingue dei moderni vichinghi?

Studia con noi!

(1) Comment

  • Valeria Semenzato 25 Febbraio 2022 @ 16:05

    Buongiorno,
    rectius, ciao Luisella (ci hai caldamente invitato al Seminario sulle rune a darti del tu)!

    Premesso che la mia ignoranza in materia è tuttavia latrice di una vivace curiosità – proprio suscitata dalla serie tv, oltre che da alcune nozioni base, apprese da letture sporadiche sul “macro tema”-, avrei alcune domande, che formulerò con la spudoratezza e il fare incalzante di una bambina nella fase dai 3 ai 5 anni.

    1) Metto a confronto la seguente affermazione “….perfino la maggior parte dei defunti commemorati nelle celebri iscrizioni runiche realizzate in questi secoli (…) erano principalmente proprietari terrieri, ricchi possidenti, talvolta proprietari anche di una o più navi utilizzate in spedizioni commerciali o militari, ma affidate a comandanti ed equipaggi specializzati” con “Le iscrizioni di epoca vichinga sono di base iscrizioni commemorative commissionate da parenti in memoria di congiunti, non necessariamente sempre tragicamente morti lontano dalla patria, ma sempre appartenenti a classi sociali elevate e benestanti”.
    Quindi con il termine vichingo è corretto identificare sia un proprietario terriero, sia un benestante commerciante, ma anche chi a livello apicale gestiva, per conto terzi, le spedizioni commerciali?

    2) “Le pietre runiche servivano paradossalmente quasi più ai vivi che non ai morti, poiché spesso celavano una precisa affermazione di potere e status e valevano quali documenti per l’asse ereditario”: in che senso? Inteso come una forma su pietra equipollente a un testamento commissionato post mortem e pagato dai parenti?
    O è da intendersi che vi erano indicati, con spirito di ostentazione e tracotanza, da parte dei familiari in vita, i cespiti del de cuius?

    3) La “fama da pirati”, quindi, si è costruita nel corso dei secoli, a causa delle varie incursioni avvenute lungo le coste dei Paesi limitrofi (e non)? Anche se si alternavano a più pacifiche, e “ordinarie”, traversate sul mare, con il mero intento di importare ed esportare le merci?

    Grazie ^___^

Lascia un commento